Akenaton Motors Forum

Forum ufficiale di Akenaton Motors, la marca automobilistica virtuale nata dall'estro creativo del designer Seba.B.B.
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Motori del futuro & nuove tecnologie

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Ven Ago 22, 2008 1:04 pm

Stupendevolissimamente bella la Silver Flow!!!!!!! cheers jocolor flower La compro!!!!! (appena esce Laughing )

Seba, non puoi farne una così?!?!? sunny
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Mercedesleader

avatar

Messaggi : 281
Data d'iscrizione : 20.07.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Sab Ago 23, 2008 7:15 pm

Modestamente siamo sempre i migliori tongue
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
FuriousBoss

avatar

Messaggi : 261
Data d'iscrizione : 14.07.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mar Ago 26, 2008 12:15 pm

, ti ho trovato del work... l'unika cosa ke ho capito é ke é elettrica... tu ke ami le lingue...



Citazione :
Autodesign
Ex-VW-Designer baut Elektroauto zum Angeben
Bis vor einem Jahr war Murat Günak Chefdesigner des Volkswagen-Konzerns. Jetzt baut er ein neuartiges Elektroauto, das gut aussieht und keine rollende Verzichtserklärung sein soll, sondern ein Statussymbol. Wenn alles klappt, könnte der neue Wagen die Branche revolutionieren.
zurück weiter Bild 3 von 7


Foto: Mindset
Drei Besonderheiten hat Günak ins Design eingebracht: Die großen 22-Zoll-Räder mit den schmalen Reifen (155er), das mit solarzellen bestückte Heck mit, das sich nach hinten verjüngt und die dadurch freistehenden Hinterräder.

Murat Günak ist ein Traum für ehemalige Arbeitgeber: Er sagt nichts Schlechtes über sie. Er ist auch ein Traum für alle Konkurrenten: Selbst über die fällt kein böses Wort. Und wenn doch, möchte Günak mit keiner Äußerung zitiert werden, in der Markennamen vorkommen. Das sind die Konzern-Gene, die noch in ihm stecken: Menschen, die hohe Positionen bei börsennotierten Gesellschaften innehaben, reden nur voller Respekt über Vertreter und Produkte vergleichbarer Firmen. Und Günak hatte eine hohe Position. Vor gut einem Jahr räumte er einen der begehrtesten Posten der Autoindustrie, er war Designchef des Volkswagen-Konzerns. So einen Job gibt man nicht einfach auf, doch Näheres über die Umstände seiner Demission ist auch jetzt nicht zu erfahren. „Was da wirklich passiert ist, wissen nur die Leute, die selbst dabei waren“, sagt Günak. Dann hebt er sein Glas Chardonnay und trinkt auf das neue Auto, für das er die Verantwortung trägt, die neue Firma, das neue Leben.
Sein neues Auto soll die Welt bewegen
Es ist ein sonniger, kalter Tag in St. Niklausen nahe Luzern. Im Garten einer riesigen Villa, der bis ans Ufer des Vierwaldstätter Sees reicht, stehen zwei klimatisierte Groß-Vitrinen. Darin ist zu sehen, was Günak in den vergangenen sechs Monaten gemacht hat: ein Auto. Aber ein ganz anderes als all die vorherigen Modelle. Peugeot 206, Peugeot 307, Mercedes CLS, VW Eos, VW Tiguan – um nur einige Entwürfe Günaks zu nennen – haben wenig mit dem zu tun, was da in der Vitrine steht. Beim neuen Auto geht es nicht nur ums Fahren, ums gute Aussehen. „Wir sind so überzeugt, dass wir nachhaltig etwas bewegen damit“, sagt Günak. Im Juli 2007, als die Fachwelt sich fragte, bei welchem Autokonzern Günak wohl als nächstes anheuern würde, verschickte die SpirtAvert AG, eine Schweizer Beteiligungsgesellschaft, eine Pflichtmitteilung: Man habe die Mindset AG gegründet, deren Ziel es sei, alternative Fahrzeugkonzepte zu entwickeln. Und SpirtAvert-Chef Lorenzo Schmid (47) war es gelungen, Günak als Vorstandsvorsitzenden von Mindset zu gewinnen.

La makkina nonémmale... magari con qualke adesivo e spoiler... sarebbe guidabile
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
hp75

avatar

Messaggi : 1563
Data d'iscrizione : 07.08.08
Età : 42
Località : Dove mi porta il destino...

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mar Ago 26, 2008 12:40 pm

Sono un pò restio alle macchine elettriche Rolling Eyes
Sono si è vero a zero emissioni ma le batterie non crescono sugli alberi e in termini di inquinamento costano parecchio a farle e smaltirle con le tecnologie attuali...
Certo se si parla di utilizzare fonti rinnovabili per farle è un altro discorso... ma non ne ho notizia più di tanto Embarassed
Semmai mi intrigano personalmente i motori con combustibili alternativi meno inquinanti da produrre o tecnologie meno comuni tipo il 2 tempi sulle auto Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Gasolio_no_98

avatar

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 08.08.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Ven Ago 29, 2008 8:29 pm



Hp, quale nostro "motor director" cosa ne pensi di utilizzare sulle Akenaton la tecnologia Diesotto?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
hp75

avatar

Messaggi : 1563
Data d'iscrizione : 07.08.08
Età : 42
Località : Dove mi porta il destino...

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Ven Ago 29, 2008 8:42 pm

Gasolio_no_98 ha scritto:
Hp, quale nostro "motor director" cosa ne pensi di utilizzare sulle Akenaton la tecnologia Diesotto?
La prendo moooooolto in considerazione l'idea Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Dom Ago 31, 2008 1:01 pm



Citazione :
Diseñado para la movilidad en corazones urbanos, el coche apilable es para dos pasajeros. Las zonas de apilado de transporte se colocan a través del centro de la ciudad para crear un sistema continuo de transporte que trabaje dentro de la infraestructura existente.
Localizando zonas de apilado en áreas urbanas y zonas vitales, el coche no prohibe al ciudadano cierta flexibilidad de combinar tránsito con eficacia y con movilidad personal. Esto es un esquema excesivamente inventivo del estacionamiento, pues el apilado acepta los vehículos y recarga su fuente de alimentación.
Similar a los pushcarts del bagaje en los aeropuertos, los usuarios tomarán básicamente el primer automóvil totalmente cargado en la cara del apilado. Estos vehículos urbanos no son un sustituto para los coches individuales, taxis, autobúses, o trenes, sino un nuevo arquetipo que aúna medios comunales, responsables y más potentes de la movilidad urbana.
Mas información en http://www.archinode.com/mitcar1.html
(l'ho trovato in spagnolo Rolling Eyes )

Mi accorgo che sempre di più i designer non pensano solo a disegnare l'auto ma anche delle strutture che servano da fonte energetica o posteggio (grande problema!). Di fatti anche nell'ultimo concorso design peugeot, hanno presentato questo prototipo http://www.peugeot.com/fr/design/concours-de-design/5eme-edition/les-29-finalistes.aspx?PageNumber=14 che si "ripiega" tutto su sé stesso a forma di petalo e si parcheggia in una struttura "a fiore" flower lol!

Quindi Seba, anche noi dovremmo essere all'avanguardia in questo senso. In qualche prossima Akenaton Future Car.... lol!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
IlMigratore



Messaggi : 52
Data d'iscrizione : 24.08.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Dom Ago 31, 2008 7:49 pm

Sì, credo che questa sia una necessità incombente. Una sfida per i progettisti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Seba.B.B.
Admin
avatar

Messaggi : 1245
Data d'iscrizione : 10.07.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Dom Ago 31, 2008 10:39 pm

Vedremo di pensare qualcosa in questo senso. Non sarà per le prossime due o tre Future Cars, il cui stile é più o meno già deciso Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://akenatonmotors.googlepages.com
FuriousBoss

avatar

Messaggi : 261
Data d'iscrizione : 14.07.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Lun Set 01, 2008 2:49 pm

Citazione :
Sogno un parcheggio infinito
pubblicato: lunedì 13 marzo 2006 da Filippo Bassoli in: Varie Volkswagen Curiosità
Sempre per restare sull’annoso problema dei parcheggi metropolitani, in questi giorni nella mia zona a Milano stanno raccogliendo le firme per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo molto grande.
Dopo aver letto che i lavori renderanno l’intero quartiere un grande cantiere per 3 lunghi anni, mi sono messo a cercare su internet altre soluzioni; perchè deve essere sempre sotterraneo?
Questo sistema ad alveare elettronico utilizzato in una fabbrica Volkswagen mi sembra una bella soluzione.
(da AutoBlog)



Ragazzi, le soluzioni ci sono... e anke tante... siamo come nel discorso per le auto a benzina: finké gli Arabi bloccano continuamente le nuove forme di propulsione, per i loro interessi... e anke qui dobbiamo vedere ki dà + bustarelle x gli appalti....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
hp75

avatar

Messaggi : 1563
Data d'iscrizione : 07.08.08
Età : 42
Località : Dove mi porta il destino...

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Lun Set 01, 2008 3:41 pm

Mi viene il mal di mare a guardare quella foto Rolling Eyes
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mer Set 03, 2008 11:16 am



Citazione :
Luxury Cars over the Horizon
To engineer a luxury car of the future, today's designers must first conceive of what luxury will mean in the year 2030. Will it just be about the car's curb appeal? Will drivers -- and passengers -- expect not only to be comfortable in their luxury cars but also pampered? If so, then perhaps future luxury will be delivered through tranquility, speed and control.

Tranquility certainly appears to be on the minds of Barcelona, Spain-based car designers Ficosa International. In 2005, Ficosa re-imagined a car's interior in the Senzai. The designers took their cues from nature, including elements like water and wood and even integrating the perception of wind within the car's cabin. Their ideas were based around Japanese Zen gardens.

An illuminated stream, enclosed in glass, falls from the top of the Senzai's dashboard to the rear floorboards, separating the driver from the passenger. On either side of the stream, the floor consists of Japanese-inspired sand gardens, which extend a warm glow to the interior cabin [source: Car Design News]. Raked sand lends a windswept impression to the interior.


Yuriko Nakao/AP
The 8-wheel, all-electric Eliica, from Japan's Keio University, shown in Tokyo in December 2005.
Those of us who expect to shell out $320,000 for a luxury car by 2030 should keep an eye on Keio University in Japan. That was the going rate for the Eliica, an 8-wheel electric car designed by Keio engineers when it debuted as a prototype in 2005 [source: Gizmag]. Each of the Eliica's wheels has its own 100-horsepower electric motor, making the car capable of high speeds and smooth handling [source: Auto Express]. In fact, although the Eliica lacks an engine and transmission, the electric motors driving the car can produce speeds of up to 230 miles per hour [source: Gizmodo].

Ultimately, the idea of luxury comes down to the car buyer's ability to get exactly what he or she wants. Automaker BMW is looking to have that market cornered with its GINA (Geometry and Functions in 'N' Adaptations) concept car. This luxury convertible concept car only loosely resembles an automobile. It has an engine (and a high-powered one at that), wheels, steering and the like. But it's also a vast departure from traditional sports cars. The exterior is made from a sleek, durable fabric that covers a lightweight aluminum frame. This fabric is water-resistant and also resists cold and heat, so to the car's occupants, it feels like driving in a car with a traditional composite or metal body [source: Motor Trend].

But the fabric allows for the GINA's most interesting feature: the ability to reconfigure the car's body. So, for example, if the driver wants the spoiler up, he or she simply presses a button and the spoiler swells beneath the car's fabric skin [source: Car and Driver].

Even with concept cars that have been prototyped and put on display, the future of luxury still remains decidedly difficult to pin down. But if any of the ideas being batted around the automotive design industry today make it into production, you may want to start saving up for your 2030 luxury car right now.

(da [url=auto.howstuffworks.com/future-luxury-car1.htm]auto.howstuffworks.com/future-luxury-car1.htm[/url])
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Rodolfo

avatar

Messaggi : 624
Data d'iscrizione : 15.07.08
Località : Ravenna

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mer Set 03, 2008 3:22 pm

Somiglia un po' alla Pallas rabbit
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
FuriousBoss

avatar

Messaggi : 261
Data d'iscrizione : 14.07.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mer Set 03, 2008 8:19 pm



GIUGIARO QUARANTA

Citazione :
Lo slogan "La natura non è mai stata così potente" accompagna il prototipo che Giugiaro-Italdesign presenta al Salone di Ginevra per celebrare i quaranta anni d'attività di Giorgetto Giugiaro. Più che ad una coupé Italdesign ha pensato ad una monovolume dal contenuto altamente sportivo ed innovativo, che si ispira alla Bizzarrini Manta del 1968, che fu la prima creazione della allora neonata Italdesign.

Sulla Giugiaro Quaranta, costruita con una monoscocca in carbonio, si sale attraverso un portellone anteriore che si solleva controvento insieme alle portiere laterali tramite un pulsante elettrico con sensori di prossimità, consentendo un ingresso nella vettura praticamente "in piedi".

L'anteriore è caratterizzato dalla mancanza di calandra, sostituita da due ingressi di aria laterali posizionati sopra i fari (con anabbaglianti al LED e abbaglianti Bixenon) che svolgono in maniera meno invasiva la funzione di alettoni anteriori. La fascia scura che percorre longitudinalmente tutto il veicolo non ha una mera funzione estetica, ma ingloba pannelli solari che con una potenza di 250W fanno funzionare l'impianto elettrico e contribuiscono a mantenere alto il livello delle batterie elettriche, insieme ad un sistema di recupero dell'energia in frenata. Questo, infatti, è un prototipo ibrido.

Tutta la parte meccanica ed elettronica è stata sviluppata insieme a Toyota, che ha fornito la propria tecnologia Hybrid Sinergy Drive. Il sistema di propulsione ibrido del costruttore giapponese è costituito da un motore a benzina V6 da 3.3 litri alloggiato posteriormente, a cui si accede attraverso un altro grande portellone posteriore, e due motori elettrici. Uno è posizionato anteriormente, mentre l'altro lavora in tandem con il propulsore termico consentendo così alla Giugiaro Quaranta di avvalersi dei vantaggi della trazione integrale E-Four, che interviene automaticamente impostando la trazione da quattro ruote motrici, in curva ed in accelerazione, a posteriore quando si viaggia a velocità di crociera. Inoltre la dinamica del veicolo si avvale di sospensioni push-rod a triangoli sovrapposti con monoammortizzatore sull'asse anteriore e due ammortizzatori sull'asse posteriore, schemi in voga su molte auto da competizione.

Con una lunghezza di di 4,45 metri, una larghezza di 1,98 metri ed un peso totale di circa 1400 kg il concept di Giugiaro vanta una potenza totale di 272 CV e una coppia di 288 Nm. Il tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h è di 4,05 secondi, mentre il consumo combinato è di 7,1 lt/100 km e l'autonomia di circa 1,000 km. Le emissioni di CO2 pari a 180 gr/km indicano che la Quaranta non è soltanto una "show car", ma anche un'auto in grado di rispettare l'ambiente.

Premendo un tasto sulla plancia, anche su fondi sconnessi è possibile sollevare la Giugiaro Quaranta da 16,5 cm fino a 23 cm dal suolo. La trasmissione è a variazione continua E-CVT e questo permette di concepire un pianale piatto e privo di tunnel di trasmissione per una disposizione degli occupanti inusuale: il guidatore si trova infatti seduto in posizione centrale affiancato ai lati da due sedili per i passeggeri, mentre alle sue spalle c'è un piccolo sedile adatto ad ospitare un bambino.

Sulla plancia sono inoltre presenti gli schermi delle telecamere laterali che soppiantano gli specchietti retrovisori e pure un visore a raggi X pensato per agevolare la guida notturna del guidatore del futuro. Un futuro Made in Moncalieri…
(Omniauto)

Roba tosta per ispirarsi! Lavorateci sopra...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
hp75

avatar

Messaggi : 1563
Data d'iscrizione : 07.08.08
Età : 42
Località : Dove mi porta il destino...

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mer Set 03, 2008 9:24 pm

Lo staff tecnico ha già preso appunti!! Very Happy
Grazie Furious!! cheers
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Lun Set 08, 2008 7:06 pm


Citazione :
Detroit 2008: Dodge Zeo Concept
pubblicato: lunedì 14 gennaio 2008 da p.a.fina in: Coupè Concept car Ibride/elettriche Dodge
Può la muscle-car del terzo millennio essere equipaggiata con una motorizzazione ibrida? Il gruppo Chrysler ne è convinto e lancia la sfida, presentando la muscolissima Dodge Zeo Concept.
Per giudicare la linea bisogna prima fare “i conti” con i mastodontici cerchi in lega da 23 pollici: con il loro ingombro influenzano pesantemente le proporzioni dell’auto, e l’ampiezza dei passaruota ne è l’esempio pratico. La Zeo è inoltre contraddistinta da un posteriore molto particolare, con uno sbalzo pressoché inesistente ed un curioso portellone.
Le stranezze non sono terminate, dato che la disposizione 2+2 dei sedili ha reso necessaria la presenza di una doppia portiera, apribile con uno scenografico meccanismo; anche l’anteriore non rimane immune alla voglia di stupire, proponendo una vera e propria striscia fanali.
La “sportiva dal cuore tenero” viene spinta dalla stessa unità già usata per il Chrysler ecoVoyager, ossia un motore elettrico da ben 268 cavalli di potenza massima: il tempo di accelerazione 0-100 è stimato in 5,7 secondi, mentre la punta velocistica massima permette di raggiungere i 200 km/h.
(autoblog)

Hpiuccino mio, ho trovato questa concept che potrebbe servirti per i prossimi motori Akenaton... "sprigiona" 268 cavalli solo elettricamente!

In più, non so se conoscevi i "3 motori in 1" (benzina, etanolo e idrogeno) della F-250 Super Chief Concept della Ford

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Seba.B.B.
Admin
avatar

Messaggi : 1245
Data d'iscrizione : 10.07.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Dom Ott 19, 2008 6:21 pm

MINI E
204 cavalli elettrici e ricaricabili in 2 ore e mezzo

http://www.omniauto.it/magazine/6468/mini-e

_________________


Akenaton Motors Official Website: http://sites.google.com/site/akenatonmotors2009/
Akenaton Motors Magazine: http://akenatonmotorsmagazine.blogspot.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://akenatonmotors.googlepages.com
Rodolfo

avatar

Messaggi : 624
Data d'iscrizione : 15.07.08
Località : Ravenna

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mar Ott 28, 2008 12:53 pm

Citazione :
BMW CAR-2-CAR
Anche il costruttore bavarese crede nelle comunicazioni "da auto ad auto"


BMW ha annunciato che la piattaforma di comunicazione fra veicoli CAR-2-CAR (traducibile come "da auto ad auto") potrebbe entrare a far parte, in un prossimo futuro, delle dotazioni di bordo delle vetture prodotte a Monaco di Baviera. La tecnologia CAR-2-CAR, sostenuta e sviluppata dall'omonimo consorzio europeo fra BMW, Audi, Daimler, Renault, Fiat, Honda, Opel, Volvo e Volkswagen, permetterebbe lo scambio di informazioni continuo e in tempo reale fra veicoli, con segnalazioni di allerta audio e video destinate al guidatore.

Come nel caso di altri sistemi analoghi già in fase di sperimentazione presso differenti costruttori (vedi i nuovi servizi Nissan), anche la rete CAR-2-CAR permetterà di mantenere un collegamento costante fra le auto in circolazione, facendo in modo che qualsiasi comportamento anomalo dovuto ad incidenti o condizioni critiche della circolazione venga segnalato alle vetture vicine, onde allertarne i guidatori circa possibili pericoli.

Le applicazioni di un simile sistema "neurale" della circolazione sarebbero veramente infinite e spazierebbero dalle segnalazioni sui tratti di strada scivolosa, sulle condizioni di nebbia, pioggia e neve, sulle strade bloccate, sugli ingorghi e sugli incidenti stradali, il tutto attraverso segnali sonori e un piccolo display proiettato direttamente sul parabrezza. Il grande vantaggio di questa tecnologia è di essere già nato all'interno di un ampio consorzio di aziende europee, tutte mirate alla realizzazione di un unico standard di trasmissioni Wi-Fi per la massima compatibilità di applicazione e sviluppo.

In questa prima fase di messa a punto si stanno definendo le basi tecniche del protocollo di trasmissione dati della LAN senza fili e BMW ritiene che il CAR-2-CAR potrà aver successo solo se la piattaforma verrà sviluppata secondo standard e interfacce comuni, oltre ad utilizzare un'unica frequenza radio per lo scambio di dati. Anche la recente decisione dell'Unione Europea di assegnare la frequenza dei 5.9 GHz alle trasmissioni di dati fra veicoli potrebbe rendere più vicina la realizzazione di una tecnologia comune e possibilmente diffusa come primo equipaggiamento sul maggior numero di auto.
(omniauto.it)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mar Nov 11, 2008 12:08 pm



Ronn Motor Company - Scorpion

Citazione :
L’idea alla sua base è quantomeno innovativa: miscelare l’idrogeno con la benzina. Il tutto partendo da un propulsore di origine Acura, trasformato da due turbo, con cucita attorno una carrozzeria leggera: i consumi, sbalorditivi, saranno da vettura media diesel. Il progetto della Scorpion, supercar disegnata e progettata dalla texana Ronn Motor Company, è ancora in forma digitale, anche se, considerata la portata della sua innovazione, non faticherà (si spera) a trovare un investitore disposto a credere in lei.

La sua relativa semplicità le permette di abbandonare le fuel cells, con l’idrogeno fornito da un sistema Hydrorunner: è sufficiente una tanica d’acqua a bordo ed un processo chimico ancora segreto per ottenere un consumo medio di circa 17 km/l. Il propulsore V6 3.5 passa dai 289 cavalli della versione “stock” ai 450 dell’attuale configurazione biturbo: 3.5 secondi per toccare i cento con una velocità massima di 320 km/h completano la sua carta d’identità. Il tutto senza dimenticarsi la dinamica di guida. Sospensioni indipendenti derivate da un’auto da Indy, carrozzeria in fibra di carbonio e passo generoso (2.67m): i 950 kg di peso complessivo paiono impensabili a fronte di tutta questa tecnologia.


geek
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Seba.B.B.
Admin
avatar

Messaggi : 1245
Data d'iscrizione : 10.07.08

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mar Nov 11, 2008 10:43 pm

Wow! geek Ho anche visitato il sito ufficiale, vi consiglio di darci un'occhiata Very Happy Arrow http://www.ronnmotors.com/cms/

_________________


Akenaton Motors Official Website: http://sites.google.com/site/akenatonmotors2009/
Akenaton Motors Magazine: http://akenatonmotorsmagazine.blogspot.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://akenatonmotors.googlepages.com
hp75

avatar

Messaggi : 1563
Data d'iscrizione : 07.08.08
Età : 42
Località : Dove mi porta il destino...

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mer Nov 12, 2008 10:18 am

cyclops cyclops cyclops cyclops cyclops
study study study study study study
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Gio Nov 20, 2008 1:52 pm

La Svizzera, da Berna a Losanna, ha acquistato per i postini 250 elettroscooter a emissioni 0 prodotti dall'azienda Oxigen di Padova alien

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Dom Nov 23, 2008 2:25 pm



Nissan EV 02

Citazione :
YOKOHAMA, Japan — We squeeze the throttle, and this little van leaps forward with the thrust of an Olympic sprinter—it's surprisingly potent. But we're here in Yokohama, not Beijing. And this modified version of the fun-loving Nissan Cube is getting its power from a pack of batteries, not some high-performance four-cylinder. But the boxy EV-02 prototype, unveiled to much fanfare across the globe here on Wednesday, still accelerates briskly and smoothly. We know from Nissans we've seen elsewhere abroad that the Japanese automaker is making noise when it comes to EVs, but that drumbeat just got a little louder. —Paul A. Eisenstein


The Specs
The funky little Cube is one of the most intriguing products that Nissan has not brought to American dealerships. We'll be getting the next-gen Cube back in the States, but don't get too attached to the idea of an electric one: Minoru Shinohara, Nissan's senior vice president of technical development, cautions that the Nissan EV slated for the U.S. market will "appear totally different" in production. What that means is already the subject of widespread speculation, but it's highly likely that Nissan will stick with a crossover-style vehicle that would provide plenty of room to tuck away batteries without eliminating passenger and cargo space—one of the problems with old-style EVs.

It helps to have what Nissan bills as the next generation of lithium-ion batteries. But not all that technology is created equal, with various experts claiming that at least 16 different versions of the underlying chemistry exist. Each has its quirks, which in turn affects the amount of stored energy and how quickly it can be charged and discharged. And while some promising li-ion research has actually proved problematic, Nissan battery chief Toshiyuki Motohashi says that Nissan partner NEC have opted for a seemingly stable, manganate-doped lithium-ion formulation.

One of the big advantages is that the Nissan-NEC partnership, dubbed Automotive Energy Supply Corp., has found ways to produce flat, or laminate, batteries, rather than conventional, cylindrical cells. That saves space and weight, meaning there's more energy stored and a longer range. How long? Nissan officials confer, quietly, in Japanese, when asked that question. Motohashi's official answer? "Our goal is at least 100 miles by 2010," he says first, then hints that something closer to 150 miles is what they'd really like to achieve.

That's what many experts believe it will take to overcome the concerns of many a consumer. Even a 100-mi. range could more than handle the typical, daily drive for the majority of U.S. motorists, but studies show Americans drivers want to be able to make longer runs on the spur of the moment. A full charge will still require plugging in overnight, but here's what could really enhance the appeal of the Nissan Cube EV-02: A quick charge from special high-voltage chargers—to the tune of an 80-percent range in 15 minutes. In a previous interview, Tom Lane, Nissan's top global product strategist, insisted that would make it possible to run from Los Angeles to San Francisco with only an hour of extra time—compared to a similar gasoline vehicle—for a few quick charges.


The Drive
Knowing they'll be developing another all-new vehicle to house their electric propulsion system, it's not surprising that Nissan is cautious about releasing too many specs on the prototype EV-02 we got to drive here—you know, like the 0-to-60 mph times. But our turn behind the wheel revealed the system to be surprisingly quick. While it doesn't quite have the wheel-spinning launch of a 350Z, the Cube offers a full-throttle take-off that backs us deep into the Cube's seats. That's not entirely surprising, as electric motors generate maximum torque the instant they start turning. By the time we hit about 30 mph, that raw torque is easing back, though the little EV continues pulling comfortably even at 60 mph—about as fast as we can go on our tightly-winding portion of the Oppama track.

As you might expect, the EV-02 is uncannily quiet, with just a soft and not unpleasant motor whir. One of the challenges for EV engineers is to bury the "stumps-in-the-swamp," or those various pump, tire and pulley noises normally masked by the roar of an internal combustion engine. And Nissan has apparently done its homework with this prototype in that regard.


The Bottom Line
Nissan has laid out an extraordinarily aggressive plan for its new EV operations. Over the next few years, the company plans to launch a series of innovative test programs, starting in Israel and Denmark, then expanding into Portugal and, in 2010, the United States. The first American version of the EV-02 will be limited to fleet applications—a good idea, considering it will offer Nissan and its carefully selected customers a chance to run a relatively controlled, real-world test. But the real challenge comes in 2012, when the upcoming EV is slated for retail launch.

Can Nissan turn a limited-appeal curiosity into a mass market contender? There's a lot of work to be done in a very short time—starting with the design of an all-new vehicle to house the battery technology. But if the prototype EV-02 is any indication, it appears that the company is ready, if you'll allow us, to plug in and charge ahead.
()http://www.popularmechanics.com/blogs/automotive_news/4276765.html?series=19
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
hp75

avatar

Messaggi : 1563
Data d'iscrizione : 07.08.08
Età : 42
Località : Dove mi porta il destino...

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Dom Nov 23, 2008 8:20 pm

Un altra auto scatoletta Very Happy
Prenderemo spunto da queste batterie per alimentare la eHT Very Happy
Ps: ti leggi Popular Mechanics Tulipanino I love you ?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
TulipanoRosso350cv

avatar

Messaggi : 914
Data d'iscrizione : 13.08.08
Età : 37

MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   Mer Nov 26, 2008 1:06 pm



Citazione :
Dopo il Guggenheim di New York e il London Motor Show è stato possibile ammirarla dall’11 al 13 luglio al Goodwood Festival of Speed in Inghilterra. Asimmetrica e dal design ergonomico e contemporaneo, Z-car, l’auto progettata dall’architetto anglo-irachena era stata commissionata nel 2006 da un collezionista inglese di automobili. Non è lussuosa né particolarmente veloce. Il suo punto forte sta nel design innovativo e nell’ecosostenibilità. È infatti un’auto ibrida, metà a gas e metà a benzina e ha anche la possibilità di essere alimentata a idrogeno. L’odierna cultura automobilistica purtroppo non permette ancora di commercializzarla. Per ora ci si dovrà accontentare sognando di guidarla. Per info: www.zaha.hadid-com (foto courtesy of Zaha Hadid Architects)
(http://images.google.com/imgres?imgurl=http://atcasa.corriere.it/News/Tendenze/Design/2008/30/img/628car.jpg&imgrefurl=http://atcasa.corriere.it/News/Tendenze/Design/2008/30/z_car.shtml&usg=__KQkmMz4V4db43xsdudluExFOUaA=&h=527&w=628&sz=25&hl=it&start=1&um=1&tbnid=LfGrtSWPoWsDoM:&tbnh=115&tbnw=137&prev=/images%3Fq%3Dauto%2Basimmetrica%26um%3D1%26hl%3Dit%26lr%3D%26sa%3DN)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Motori del futuro & nuove tecnologie   

Tornare in alto Andare in basso
 
Motori del futuro & nuove tecnologie
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» Nuove tecnologie applicate alle racchette: qualcuno la pensa come me?
» Funzionamento motori endotermici (a combustione interna) [TECNICA]
» Le nuove Triumph 2011...che ve ne pare?
» I nostri motori
» il futuro del rovescio è bimane

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Akenaton Motors Forum :: Il mondo dei motori-
Andare verso: